A CENA CON PICASSO

Tra arte e libertà, l’amicizia dell’autore
di Guernica con Mario Bocchi

Il racconto dell’amicizia tra Mario Bocchi e Pablo Picasso attraverso fotografie mai esposte, disegni artistici, dediche, cartoline e altri documenti inediti. Iniziativa promossa da Fondazione Monteparma in collaborazione con l’Archivio Storico Bocchi in occasione del centenario della nascita di Mario Bocchi (Parma 1924-1997).

La mostra “A cena con Picasso” ricorda la cena memorabile avvenuta nel 1964 in Francia nella casa dell’artista Pablo Picasso e della moglie Jacqueline a Mougins alla quale parteciparono Mario Bocchi, Renato Guttuso con Mimise e lo storico dell’arte del movimento cubista Douglas Cooper. La particolarità di questo incontro conviviale, animato da un intenso dibattito sull’arte e la politica, è che l’artista e padrone di casa, solitamente restio a farsi ritrarre nella sua intimità famigliare, ha permesso a Mario Bocchi di scattare fotografie, di straordinaria rarità, del Picasso privato: tali immagini – che testimoniano il legame confidenziale e amichevole tra Bocchi, Picasso ed altri importanti artisti e intellettuali del Novecento – sono esposte per la prima volta all’APE Parma Museo insieme a documenti inediti autografati e ad alcuni disegni artistici raccolti e conservati dalla Fondazione-Archivio Bocchi.

Tra i documenti più toccanti, il ricordo dei giorni indimenticabili che Bocchi ha trascorso in Francia da Picasso è fissato su un piccolo film amatoriale girato a passo ridotto dallo stesso Mario, una trentina di fotografie, ma anche disegni, lettere e dediche a lui indirizzate su oggetti, cartoline, materiali preziosi che raccontano l’intimità delle sue privilegiate relazioni con artisti e intellettuali dell’epoca.

L’incontro del destino tra Mario Bocchi e Pablo Picasso risale all’autunno del 1953, quando a Milano viene annunciato il più grande evento dell’arte dai tempi delle performance futuriste dei primi decenni del ‘900. Nei saloni di Palazzo Reale, ancora danneggiato dai bombardamenti del conflitto mondiale, sarebbe infatti stata aperta un’esposizione con alcune importanti opere di Pablo Picasso a far da cornice a Guernica, la tela del 1937 simbolo della Guerra di Spagna, proveniente dal Museum of Modern Art di New York dove era stata portata per evitare che fosse danneggiata dalla guerra o dagli occupanti nazisti.

Alla notizia dell’inaugurazione della mostra, il giovane Bocchi, animatore di un cineclub della sua città, attento lettore degli animati dibattiti culturali sull’arte su riviste e giornali nazionali, entusiasta e fremente di poter vedere, dopo anni d’attesa, le opere di Pablo Picasso, convince i compagni del circolo culturale a seguirlo nel suo viaggio a Milano. Lì, di fronte a Guernica, è catturato da un’emozione profonda. È difficile per lui, figlio di una famiglia proletaria, che non ha mai potuto coltivare interessi artistici, comprendere appieno quell’opera così diversa, così semplice e insieme così complessa, ma non ne è intimorito. È un uomo deciso, ha comandato degli uomini nella guerra di Liberazione, ha visto paesi e villaggi distrutti, bruciati dalla furia nazista, vittime innocenti. C’è qualcosa di Guernica, forse il possente urlo d’accusa contro ogni brutalità, che gli toglie il fiato. Da quel momento, si rende conto che la passione per l’arte sarebbe stata la linea guida della sua esistenza ed è fortemente deciso a conoscere colui che gli ha cambiato la vita e la visione del mondo, Pablo Picasso.

Innamorato dell’arte, coi suoi risparmi inizia a comprare disegni e tele: Birolli, Guttuso, Sironi, Morandi, Soldati, Rosai, Severini. In quel periodo i collezionisti d’arte sono cosa rara. Si contano in Italia sulle dita di due mani e Mario Bocchi è uno di loro. Nel tempo la sua casa diventa luogo d’incontro di artisti, intellettuali, scrittori, cineasti: da Renato Guttuso a Ennio Morlotti, da Carlo Levi a Guido Piovene, da Valerio Zurlini a Bernardo Bertolucci. E così, il 25 ottobre del 1961, in occasione dell’ottantesimo compleanno dell’artista, Mario Bocchi corona il suo sogno: è invitato, tra gli ospiti della cerchia più ristretta del maestro spagnolo, insieme a Renato Guttuso e Rafael Alberti.

Il racconto in mostra della privilegiata amicizia tra Mario Bocchi e Pablo Picasso offre lo spunto per affrontare anche un altro importante tema, quello delle grandi cene della storia dell’arte. Il titolo allude, infatti, all’importanza che i momenti conviviali e gli incontri informali hanno avuto nella storia dell’arte. Molte delle idee che hanno innovato o reinventato l’arte nel Novecento sono nate proprio da artisti, poeti e scrittori che, dandosi appuntamento nelle taverne, nelle osterie, nei bistrot o nei propri studi per bere e mangiare qualcosa, finivano per dare forma a nuove espressioni artistiche o inventare neologismi come, ad esempio, “cubismo”.

“A cena con Picasso” è promossa da Fondazione Monteparma in collaborazione con l’Archivio Storico Bocchi.

Mario Bocchi
Cresciuto in una numerosa famiglia di antifascisti parmigiani, Mario Bocchi nel 1943 entra nel Fronte della Gioventù con Giordano Cavestro e Giacomo Ulivi. Con alcuni compagni fonda il gruppo dei “ragazzi di piazzale Marsala” di cui assume il comando militare e successivamente della Brigata GAP e SAP detta “dei giovani”. Lasciata la città, assume, col nome di battaglia di “Giancarlo”, il ruolo di comandante di battaglione della 47ª Brigata Garibaldi, diventata poi la 123ª. Sino alla Liberazione, Mario Bocchi opera nel Comando della Divisione partigiana “Ottavio Ricci” fino alla liberazione di Parma. Dopo la sua smobilitazione, si impiega per qualche anno nel Consorzio Agrario di Parma e alla fine degli anni ’40 inizia un’attività in proprio nel settore alimentare che poi estenderà negli anni ’70 in diversi settori, dall’elettronica alle costruzioni. Fortemente appassionato d’arte, negli anni ’50 diventa amico di Renato Guttuso e dal 1961 di Pablo Picasso. Per anni si impegnerà come uno dei massimi promotori di quel momento felice della città, in cui Parma negli anni ’60 diventerà una capitale della cultura europea.

Archivio Storico Bocchi
Costituito con l’intento di conservare e catalogare documenti storici e artistici raccolti nel corso di due generazioni da Mario e Giancarlo Bocchi, l’Archivio Storico Bocchi comprende opere d’arte originali, documenti e carteggi storici, fotografie, filmati originali e nastri musicali. L’archivio è suddiviso in quattro sezioni: “Arte e cultura”, “Storia del Novecento”, “Musica”, “Diritti civili e umani”. Tra le iniziative già realizzate dall’Archivio Storico Bocchi, la donazione a Musei ed Istituzioni di opere d’arte e l’istituzione dei premi annuali “Giacomo Ferrari – La Resistenza e le Resistenze”, “Guido Picelli per la ricerca storica” e “Mario Bocchi per l’arte d’impegno civile”.

Gallery

  1. Foto di Mario Bocchi. Da sin. Mimise e Renato Guttuso con Pablo Picasso e di spalle Douglas Cooper, 1964, Mougins, Francia (stampa da negativo originale) – ©Archivio Storico Bocchi
  2. Foto di Renato Guttuso con la macchina fotografica di Mario Bocchi. Pablo Picasso con Mario Bocchi a Mougins nel mas Notre-dame-de-vie, febbraio 1964 (stampa da negativo originale) – ©Archivio Storico Bocchi

INFO UTILI

Apertura mostra

Dal 27 marzo al 31 luglio 2024

Orari

Da martedì a domenica ore 10.30/17.30

Calendario festività e giornate speciali

  • Giovedì 25 aprile 2024: APERTO DALLE ORE 10.30 ALLE ORE 17.30
  • Mercoledì 1° maggio 2024: CHIUSO
  • Martedì 4 giugno 2024: CHIUSURA STRAORDINARIA (ingressi giornalieri interamente prenotati per eventi privati)
  • Venerdì 7 giugno 2024: CHIUSURA STRAORDINARIA (ingressi giornalieri interamente prenotati per eventi privati)

Durata indicativa visita

circa 30 minuti

Ingresso

  • Ingresso mostra € 3;
  • Biglietto cumulativo (accesso a tutte le mostre in corso): € 5
  • Gratuito per scuole, under 18, guide turistiche e giornalisti, persone diversamente abili e loro accompagnatori;

Il biglietto include l’accesso alle Sale Museo Amedeo Bocchi, alla Sala Museo Renato Vernizzi e alle sale espositive dedicate alle collezioni d’arte di Fondazione Monteparma.

La prenotazione è richiesta solo per i gruppi superiori alle 10 persone.
Per informazioni: info@apeparmamuseo.it tel. 0521 203413